Vacanze finite

Sono rientrato a casa l’altro giorno dopo una bellissima settimana in montagna tra gite, pic nic, sole, pioggia ma soprattutto fresco. Temperature che mi hanno fatto tirare il fiato dalla calura opprimente della città.

Ad essere sincero speravo, tornando a casa, di trovare delle temperature più sopportabili ma, ahimé, il gran caldo sembra non voglia andare il vacanza e mi fa rimpiangere i giorni trascorsi in montagna con la felpa per ripararsi dal freddo.

Dato che da settimana prossima riprendo a lavorare nelle prossime notti spero che i miei sogni siano ambientati qui.

penguins-429136_1280

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Si parte!!!!

closed-1860909_640

Ok, domani parto per una settimana in montagna. La valigia non c’è bisogno di dirlo devo ancora tirarla fuori dall’armadio e mettermi nell’ottica che prima di domani mattina deve essere pronta!!! Come scrivevo nel post precedente questa è una delle incombenze che più mi pesa, sono questi i momenti che per un attimo vorrei tornare bambino, quando ai tuoi bagagli ci pensava qualcun altro. Ma, ahimé, ormai quell’età è terminata da parecchio tempo.

Comunque per almeno una settimana il blog rimarrà chiuso. Spero con tutto il cuore che il luogo della mia destinazione abbia temperature più umane rispetto a quelle che si stanno vivendo a Brescia in questi giorni. Io mi stò letteralmente (e non è solo un modo di dire) sciogliendo. Ieri c’è stato un temporale poco prima di pranzo che ha abbassato di qualche grado le temperature e mi sembrava di sognare. Oggi le temperature stanno già cominciando a risalire.

Bene auguro a tutti buone ferie.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Ansia da partenza

travel-164574_1280Avrò dimenticato qualcosa? Siamo sicuri che ho messo dentro il pigiama? E gli scarponi? Cavolo vado in montagna se mi dimentico proprio gli scarponi sono proprio da ricovero!!! E le pastiglie? Quelle non posso proprio dimenticarmele, il resto può anche passare, vado in qualche negozio e lo recupero, ma le pastiglie no!!! Quelle devo ricordarmele!!!

Ecco, tutte le volte che devo partire per una vacanza comincio ad entrare in panico con questi pensieri. Controllo e ricontrollo la valigia più e più volte, la riempio e la svuoto e la rifaccio nuovamente nella paura di non aver messo dentro qualcosa e di essermi dimenticato qualcosa di essenziale. E’ una forma di disturbo compulsivo ossessivo. Ho messo dentro le pastiglie? Si, le ho messe dentro, sono stato attento eppure…. Eppure, nonostante tutto, devo controllare più di cento volte (si fa per dire ma tre o quattro ci stanno tutte) per poter essere tranquillo e mettermi l’animo in pace. E comunque lo stato d’ansia mi rimane fino a quando non arrivo a destinazione e mi rendo conto di non essermi dimenticato nulla.

Credo sia il motivo fondamentale per cui non sono un amante dei viaggi e preferisco il quieto vivere di casa dolce casa. Il problema è che poi me lo dicono tutti: “Mario non puoi rimanere sempre rintanato in casa!!” E io nel mio profondo penso: “E perchè no??? Si stà così bene a casa.”

Ammetto che però alla fine ha ragione chi mi dice così. Quando poi arrivi a destinazione di un viaggio e ti sei “ambientato”, quando ti rendi conto che tutto sommato la valigia non l’hai presa su vuota e che ai piccoli imprevisti ci si può porre rimedio, bhè allora ti dici: “Meno male che non mi sono fatto sopraffare dall’ansia.”

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , | 6 commenti

Iscrizione

social-media-1377251_640Quando ero piccolo facevo zapping tra i canali della televisione ora mi piace di più girare tra i vari blog che gli internauti pubblicano nel vasto mare di internet.
In rete si trovano svariate piattaforme per creare blog in maniera gratuita: wordpress, che ho sceltro come piattaforma per il mio blog, ma esiste anche blogger, iobloggo, wix.com, webnode.it e tante altre.

Io sono iscritto solo a tre di quelle citate sopra ma mi piacerebbe visitare i blog anche di altre piattaforme. Per tutte occorre però l’iscrizione a meno che non si conosca il link esatto del blog che si vuole andare a visitare. Con il web siamo ormai abituati che su qualsiasi piattaforma la prima cosa da fare è iscriversi, ed è una cosa che diamo talmente per scontato che ormai non ci facciamo più caso. Io capisco nel caso la persona abbia intenzione di friure di quel servizio allora l’iscrizione è giusta, ma se uno vuole semplicemente curiosare o vedere come funziona perchè deve essere costretto all’iscrizione? Credo sia un pò come entrare in un negozio e sentirsi dire: “Prima di entrare deve compilare questo modulo, anche se non compra niente.” Penso che nella migliore delle ipotesi la persona che si sente fare una richiesta del genere declinerebbe gentilmente la richiesta e uscirebbe senza visitare il negozio.
E’ esattamente quello che ho fatto io: alla richiesta d’iscrizione sono ritornato a visitare le piattaforme sulle quali mi ero già iscritto.

Capisco che ogni piattaforma cerchi di portare “acqua al suo mulino” e acchiappare più blogger possibili ma credo anche che una “visita gratuita senza obbligo di iscrizione” almeno una prima volta invoglierebbe di più.
Voi cosa ne pensate?

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , | 9 commenti

Senza mani!!!!

Giornata troppo calda per poter ragionare. Oggi Brescia viene indicata come bollino giallo ma, giallo o rosso c’è poca differenza, la verità è che non hai voglia di fare nulla e non riesci a concentrarti in niente. Ieri notte sembrava dovesse venire giù un’acquazzone, e forse c’è stato anche… ma altrove. Qui si sono sentiti solo tuoni e visti lampi ma niente di più, ogni tanto qualche colpo d’aria talmente lieve che le finestre aperte nemmeno nè hanno risentito. Oggi, poco dopo l’ora di pranzo, si è annuvolato ma nient’altro, ha solo avuto l’effetto di aumentare l’afa, come se non ce ne fosse già abbastanza!!!

medic-708093_1280Ieri mi si è azzoppato anche la mano sinistra (si può usare il termine azzoppare per una mano?) Il blog è mio e decido io per cui si, si può!!!! Comunque, stavo dicendo, già ho una sola mano, se poi si ferisce anche,  la cosa diventa un pò complicata. Stavo sciacquando un’attrezzo da cucina quando,  improvvisamente, sento un forte dolore, mi guardo la mano e vedo che stà sanguinando. Un taglietto stupito, di quelli piccolissimi che quasi non si vedono, se non fosse che ti dissanguano. Già, perchè mi sono ferito alla mano -ed è inutile- della mano nè hai bisogno per svolgere le normali azioni del vivere, soprattutto se è l’unica che hai a disposizione. Risultato? la ferita continuava a riaprirsi anche se ci avevo messo il cerotto. Come dite? Come ho fatto a mettermi il cerotto sulla mano sinistra utilizzando la stessa mano? Cari lettori, ve lo ripeto da quando ho aperto questo blog, ormai sono quasi quarant’anni di esperienza nel settore!!! E però devo ammettere che questa volta non ho fatto tutto da solo, dopo il quinto cerotto che cambiavo perchè, nonostante tutto, la ferita si riapriva ho deciso di farmi aiutare per mettermi una garza.
Ora la garza è stata sostituita nuovamente da un cerotto un pò più grosso e, per il momento, incrociando le dita, quelle rimaste sane per lo meno sembra che il tutto stia tenendo. Spero che questo piccolo incidente si risolva il più in fretta possibile perchè già avere solo una mano a disposizione è una scocciatura ma se anche questa è mezza invalidata è una vera rottura!!!!

E per fortuna che quando ho iniziato questo post non avevo idea di cosa scrivere!!! Sta a vedere che ho scoperto che il mio blog – neurone ama il clima caldo e umido, esattamente quello che io, come tanta altra gente in questo periodo, non sopporta!!!

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , , | Lascia un commento

Blogger all’aperto

Guardate queste fotografie. Sono tutte tratte dal sito pixabay.com, una piattaforma dove è possibile scaricare fotografie senza copyright. Ma non sono qui per fare pubblcità ad un sito, solo che oggi sono stato preso da una folgorazione.
Tutte queste immagini sono il risultato della ricerca della parola “blog”. Immagino che adesso mi chiederete dove voglia andare a parare, giusto? Calma, un pò di pazienza e arrivo…
Notate delle differenze? In tutte ci sono un pc, un bloc notes con una biro, e una bevanda ed è stata proprio quest’ultima ad aver attirato la mia attenzione. Su cinque fotografie quattro sono un caffè e una è un bicchiere d’acqua, ossia quattro bevande calde e una bevanda fredda. Cosa c’è di strano? Si beve molto volentieri qualcosa di caldo durante l’inverno ma non d’estate e a questo punto mi sorge una domanda: il blogger è un lavoratore stagionale che produce prevalentemente d’inverno e d’estate se ne va in vacanza?
Boh.. forse il caldo dei giorni scorsi mi ha dato alla testa, però pensandoci bene se cerco una foto con tag “blog” non mi è mai capitato di trovare un’immagine di qualcuno su un tavolo all’aperto con davanti il suo portatile e in parte una bibita gelata. Eppure, perchè non potrebbe essere? Un blogger può scrivere i suoi post anche all’aperto, non c’è nessuna legge che lo vieta.

Si, il blogger è un lavoratore stagionale, è preferibile stare davanti ad uno schermo durante l’inverno quando viene subito buio e le temperature (almeno prima dell’avvento dei cambiamenti climatici) non invogliavano ad uscire che d’estate, quando le giornate durano molto più a lungo e il caldo fa desiderare un bel tuffo in piscina o ancora meglio qualche giorno al mare.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , | 4 commenti

Una sola parola – CALDO

heat-149937_1280Ok che d’estate è normale che ci sia caldo ma qui si esagera. Se fino a qualche post fa mi lamentavo che il mio blog – neurone si era eclissato, ora posso affermare con sicura certezza che gli altri si sono sciolti sotto il sole e, quando il blog – neurone tornerà a casa si accorgerà di essere l’unico soppravvissuto della specie.

Nell’ultimo post dicevo di aver cominciato a fare movimento, oggi ho preferito saltare prima di prendermi un bel colpo di sole anche perchè – miracolo di queste giornate – riesco a sudare come se avessi fatto la maratona di new york stando seduto alla postazione del pc o peggio dormicchiando sul letto.

Pubblicato in Senza categoria | Contrassegnato , , , , | 2 commenti