Tra ferie vacanze e pensione

In questo periodo alcuni miei colleghi più anziani sono arrivati alla tanto agognata pensione. Il loro pensionamento mi ha portato a fare alcune riflessioni: la prima è che sto invecchiando. Lo so, per me la strada della pensione è ancora lunga (sempre ammesso di arrivarci) però mi sono reso conto di una cosa: quando ho iniziato a lavorare dove sono ora, loro avevano più o meno gli stessi anni di contributi che ho io attualmente; se non ci sono sorprese (cosa in effetti molto probabile) sono a metà del percorso o – come avrebbe detto il sommo poeta – nel mezzo del cammin di nostra vita (lavorativa)… E questo significa che anche se molto, molto, molto lontano vedo una luce in fondo al tunnel.

La seconda riflessione che mi è sorta è la seguente: che differenza c’è tra ferie e pensione? Credo che la differenza sia puramente psicologica. Mi spiego: quando sono in ferie, per quanto lunghe possano essere, so che arriverà comunque il giorno in cui la sveglia suonerà e, anche se non né ho la minima voglia, mi toccherà alzarmi, prendere l’autobus e andare al lavoro. Chi invece arriva alla pensione non ha più questo problema: sa che da quel giorno potrà spegnere la sveglia in modo definitivo.
Quando si è in ferie si tende a concentrare sempre un pò tutto perchè si sa che si hanno pochi giorni a disposizione; forse per qualcuno le ferie potrebbero diventare anche più stressanti dello stesso lavoro in ufficio, nel tentativo di far incastrare tutto in poco tempo.

Subito dopo questa riflessione mi sono reso conto che in un certo modo ho già provato l’esperienza di “andare in pensione”. Quando? Dopo il diploma. Mi sono reso conto che quando ero studente e iniziavano le vacanze, per quanto potessero essere lunghe come quelle estive, alla fine c’erano i compiti a casa; il giorno in cui rientravi c’erano le interrogazioni, i compiti in classe e ti prendeva il panico per quella verifica che non era stata ancora riconsegnata e per la quale ti veniva un buco allo stomaco al solo pensiero.
Bene da quando mi sono diplomato tutto questo non esiste più. Compiti a casa? Chi sono questi sconosciuti? Adesso quando esco dall’ufficio, timbro e non ci penso più fino a quando non rientro. E le interrogazioni a sorpresa ve le ricordate? Questione che generalmente veniva risolta con le interrogazioni programmate; il respiro che si tratteneva quando il professore riconsegnava un compito in classe e si aveva il terrore di guardare il voto? Oppure la rabbia quando entrando in classe annunciava: “Ragazzi, state tranquilli non sono riuscito ancora a guardare le vostre verifiche, ho corretto quelle delle altre classi.”

Immagino che se qualche insegnante leggerà il mio post storcerà un pò il naso pensando: “Hai vissuto veramente male l’esperienza scolastica!!!” Si, lo ammetto è una di quelle esperienze che sono felice di aver terminato e che per me è stata tutt’altro che esaltante, anzì… Però così è stata e sono contento di essere andato “in pensione”.

Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

8 risposte a Tra ferie vacanze e pensione

  1. wwayne ha detto:

    Appena ho letto “diploma” mi è tornata in mente questa divertentissima storia: https://wwayne.wordpress.com/2008/09/03/1994-diploma-di-maturita-di-giuseppe-gatto/

    • mapiova ha detto:

      L’ho letto con piacere e devo essere sincero: un pò invidio la capacità che ha qualcuno di riuscire a “bleffare” in questo modo. In fondo è una dote anche quella.

      • wwayne ha detto:

        Hai ragione, la capacità di improvvisare è senza dubbio una dote. E per metterla in pratica serve anche un bel po’ di faccia tosta. Grazie per la risposta, e buona Domenica! 🙂

  2. Romina ha detto:

    Ciao, mapiova.
    Tendo a pensare che l’esperienza scolastica sia poco piacevole per molti. E lasciarsela alle spalle è una forma di liberazione non da poco.

    • mapiova ha detto:

      E’ comunque un’esperienza che non sono riuscito a digerire neppure a distanza di anni. Mi spiego meglio: magari è possibile vivere un’esperienza diversa da quella che ci s’immaginava ma, arrivati in fondo, ci si gira e si dice: “Bhé, non era esattamente quello che m’aspettavo, però sono ugualmente contento”. Nel mio caso l’ho vissuta male sia dal punto di vista di apprendimento sia dal punto di vista relazionale.

  3. Antartica ha detto:

    Anche la disoccupazione somiglia molto alla pensione (fatta eccezione per ll’assegno mensile): i giorni si susseguono uguali a se stessi e devi trovarti qualcosa con cui riempirti le giornate per non lasciarle scivolare inutilmente. 🙄
    A me manca la routine scolastica. Sarà che vegeto in un piccolo paese di provincia e il mese di settembre, per me, significava poter stare fuori dal paesello per almeno mezza giornata (e ai tempi dell’università…poterne stare fuori per almeno una settimana o due). 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.