Cartaceo o digitale?

ebook-2467267_1920Qualche tempo fa ho scritto questo post sul medoto di scrittura che preferisco, ora a distanza di quasi un anno e mezzo arriva la seconda parte ossia: se devi scegliere come preferisci leggere: carta o e-book?
Non mi considero un lettore accanito, nonostante ciò da quando nel 2013 ho acquistato il mio primo kindle le mie letture sono aumentate drasticamente.
Quando mi sono reso conto di questa cosa mi sono posto subito questa domanda: “Possibile che il cambiare un supporto possa influenzare in maniera così netta sul piacere della lettura? In fondo alla fine l’azione che compi è sempre la stessa: leggere” Ogni tanto mi è capitato ancora di passare davanti a qualche libreria e di vedere se c’era in esposizione qualche libro che avevo già letto in formato digitale, è capitato che alcune volte me ne capitasse uno e mi dicessi: “Davvero ho letto quel tomo? E dire che se prima di leggerlo in formato digitale lo avessi visto in formato cartaceo lo avrei classificato come “mattone”!!!! E invece… è stato un bel libro.”

In realtà non credo che il piacere dipenda dal fatto che quando leggi in formato digitale non ti rendi conto di quanto è “alto” un libro: quando ne acquisto uno oltre a leggermi la sinossi e le varie recensioni caccio l’occhio anche nel vedere quante pagine ha nel formato cartaceo.
E allora perchè il digitale mi ha fatto apprezzare di più il piacere della lettura? Mi sono dato delle risposte e alcune sono di carattere squisitamente pratico. Avete mai provato a tenere aperto un libro di 500 pagine con una sola mano e contemporaneamente sfogliarlo? Allora già tenerlo ben aperto per più di mezz’ora con una sola mano – soprattuttto se siete a circa metà – vi cominciano a venire i crampi al pollice e, ogni volta che dovete cambiare pagina, vi ritrovate quasi sicuramente alla copertina d’inizio ed ad aver perso il segno.  Tutto questo ve lo dico per esperienza personale. Con un kindle invece posso leggermi un libro anche di mille pagine senza dover fare esercizi di muscolatura (anche se forse un pò mi servirebbero) e sfogliare le pagine con un dito.
Ci sono poi altre motivazioni, anche queste di carattere pratico. Porto gli occhiali e non ho proprio la vista di un’acquila; quando mi capitava di leggere un libro con un testo molto fitto alcune volte mi accadeva di rileggere la stessa riga per più volte, un pò come quando i dischi o i cd s’incantavano, perdere il segno, il significato di ciò che stavo leggendo e alla fine anche la pazienza. Con la possibilità che ha un ebook di scegliere la grandezza di un carattere e la distanza tra le righe, leggo molto meglio e più volentieri.

Infine altre due caratteristiche, anche queste di carattere pratico ma che poco hanno a che fare col le capacità fisiche o visive di una persona. Vi è mai capitato di leggere un romanzo in cui, oltre ai due o tre personaggi principali c’è anche una sfilza di personaggi minori che vengono richiamati magari a distanza di diversi capitoli? Ogni tanto mi capitano sotto mano questi romanzi e quando mi succede mi sento molto Don Abbondio nei Promessi Sposi: “Carneade chi era costui?”. Ecco una delle funzioni più belle di un kindle è la possibilità di poter ricercare in un lampo il punto dove il personaggio viene presentato senza doversi rileggere il libro dall’inizio.
Da ultimo il vocabolario: la possibilità di poter sapere il significato di una parola senza praticamente dover interrompere la lettura o doversi portare appresso il dizionario della lingua italiana.

Se siete arrivati a leggere fino a qui penso che abbiare intuito che personalmente preferisco leggere sugli e-book piuttosto che su un libro cartaceo, vorrei però che sia chiara una cosa: questo post non voleva essere una pubblicità agli e-book o un inno alla lettura digitale ma solo una serie di motivazioni per le quali – almeno per il sottoscritto – il digitale ha aiutato ad apprezzare di più la lettura.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria e contrassegnata con , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

3 risposte a Cartaceo o digitale?

  1. SognidiRnR ha detto:

    Anche io ho notato che con il kindle leggo molto di più o più in fretta… Nel mio caso penso sia dovuto alla comodità nel leggere di notte senza luci o problemi di posizione libro/cuscino/coperte. 😅

  2. Personalmente lo trovo abbastanza indifferente.
    Al momento uso il kindle soprattutto per i libri che mi vengono inviati per le recensioni o per romanzi che sono in dubbio se mi piaceranno o meno.
    Oggettivamente, il vantaggio del digitale è anche che costa davvero poco rispetto ai romanzi cartacei e non penso sia da sottovalutare. In ogni caso, anche io mi sono accorta che leggo più velocemente con il kindle rispetto che sul cartaceo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.